Ho sognato il ritorno.

Buondì, non ho mai capito cosa spinga le persone a chiudersi a riccio invece che aprirsi alla vita, ai rapporti e a intraprendere il viaggio di ritorno a casa. Tutti se ne vanno prima o poi, si spera, il problema è davvero solo il voler tornare. Non ho mai capito perché sia così difficile affrontare ed imparare invece che nascondersi e giustificarsi.
Eppure succede, eccome se capita. A tutti, credo. Continua a leggere

Meglio soli o accompagnati?

È una vita che ripeto “bisogna bastarsi” ed è una vita che non mi basto. Credo. Perché altrimenti avrei risolto tutto, no? La cosa comica è che per contrastare la mia solitudine ho trovato compensazioni non sempre lecite, ho costruito muri alti, ho indossato corazze, ho intrapreso lotte con tattiche che gli spartani si sognavano ed ho allacciato  relazioni pericolose. E tutto questo perché? Mi chiedo.Continua a leggere

A te, che sei la mia buona stella.

In un giorno come oggi, mi é impossibile non pensare a te.

A te che mi hai insegnato a camminare tenendomi per mano e mi permetti di proseguire rimanendo nel mio cuore.

A te che mi hai fatto sentire al sicuro e che con la tua dignità nei momenti più bui, mi hai fatto capire cosa voglio insegnare a mia figlia.

A te che mi hai insegnato ad amare la nostra famiglia nonostante le assenze, nonostante le incomprensioni e nonostante tutto.Continua a leggere

Come ti saluto un disturbo e mi abbuffo di abbracci.

-Ma a te cosa piace mangiare? C’è qualcosa a cui non potresti mai rinunciare?-

-Mah.-

-Insomma, sei una brava cuoca, il tuo piatto preferito? Quello che piú ami cucinare?-

-…-

-Ti guardo… Sei obesa! Ti immagino una godereccia, una che magna senza pietà insomma. Dai, su, dimmi qualcosa!-

-Non ho nulla da dirti.-Continua a leggere

Funziona il perdono responsabile?

Forse è solo una questione di perdono responsabile, vai a capire…

Chiedo perdono per tutte le volte che ho incolpato qualcun’altro pur di non prendermi la responsabilità di ciò che ho detto e fatto, senza morire di vergogna.

Chiedo perdono per le offese urlate e per le parole taglienti sibilate, senza sentirmi un mostro senza cuore.

Chiedo perdono per tutti i consigli non richiesti dati, senza sentirmi mortificata.

Chiedo perdono per il sarcasmo usato e non compreso, senza sentirmi incompresa.

Continua a leggere